Guarda la mappa
Costruita negli anni '80 del XIX secolo, questa casa cinese di Georgetown con il cortile e di colore blu scuro, era la residenza di Cheong Fatt Tze, un personaggio cinese di spicco recentemente stabilitosi nell'insediamento dello stretto di Penang durante il XIX secolo. L'edificio fu costruito da mastri artigiani portati appositamente dalla Cina, che usarono le proprie capacità per abbellire l'edificio con 38 camere, 5 cortili dal pavimento di granito, 7 scalinate e 220 finestre.

Salvata dai pericoli dell'espansione edilizia degli anni '90 da un piccolo gruppo di persone sostenitore del patrimonio guidato da Laurence Loh, il palazzo Cheong Fatt Tze possiede splendidi intagli cinesi sul legno, finestre con persiane gotiche, pareti di mattoni rosso scuro e mosaici decorativi di porcellana, pannelli di vetro colorato in stile art nouveau, piastrelle Stoke on Trent e opere in ferro battuto in stile scozzese. La pianta del palazzo segue in principi del feng-shui e l'arredamento include una rara collezione di sculture, intagli, arazzi e altre antichità.

Nel 2000, il palazzo Cheong Fatt Tze è stato premiato dall'Unesco con il Premio per la conservazione del patrimonio nell'Asia-Pacifico, ed è stato scelto come il "Progetto più eccellente" nell'Asia Pacific Rim a seguito dei lavori di restauro portati a termine per 7,6 milioni di RM.

Come arrivare

A piedi o in taxi
Il palazzo di Cheong Fatt Tze si trova a Lebuh Leith, tra Lebuh Chulia e la Jalan Sultan Ahmad Shah.

A chi rivolgersi

For more information, please visit

Sito Web

Recommended Travel Packages
More Packages

Room Rate

Rooms

Luoghi di Soggiorno

Disclaimer Tourism Malaysia does not warrant the accuracy, completeness and usefulness of the information provided herein inclusive but not limited to resorts and hotels. The Users shall not be entitled to claim detrimental reliance on any information, products, statements provided or expressed or to claim that there is a duty on the part of Tourism Malaysia to update materials provided here by EXPEDIA.