La Malesia offre numerosi porticcioli e circoli nautici dove è possibile issare la vela maestra, tirare la drizza, alzare lo spinnaker e lasciarsi trascinare dalle brezze tropicali verso nuove ed emozionanti destinazioni.

Situata tra uno e sette gradi a nord dell'Equatore, la Malesia offre un clima mite nell'intero corso dell'anno. Il monsone umido nordorientale soffia da novembre a marzo lungo la costa orientale della Malesia peninsulare nonché nel Sarawak e nel Sabah.

Spesso, anche in questa stagione, ci sono periodi di bel tempo e mare calmo. Il monsone sudoccidentale soffia da aprile a ottobre. Generalmente, i naviganti diretti a ovest viaggiano durante il monsone nordorientale, mentre quelli diretti a est durante il monsone sudoccidentale.

La Malesia è stata in passato ed è tutt'ora il centro del commercio marittimo regionale. Lo Stretto di Malacca sulla costa occidentale è la tratta più praticata dai naviganti provenienti dall'Australia e diretti in Tailandia, Africa ed Europa.

La costa orientale è molto più tranquilla e conta diverse isole con luoghi eccezionali per attraccare, rilassarsi, fare immersioni e provvedere al necessario rifornimento. I porti principali sono quelli di Mersing, Kuantan, Kuala Dungun, Marang e Kuala Terengganu, mentre le incantevoli isole di Tioman, Perhentian, Redang e Kapas offrono i servizi di base.

La Malesia orientale sta acquisendo sempre più popolarità per la navigazione e come tappa per i naviganti provenienti da coste lontane. Chi arriva nel Sabah da est può navigare verso ovest attorno alla costa facendo tappa in strabilianti località prima di procedere verso la Malesia peninsulare.

Suggerimenti

  • I turisti in visita via mare devono registrarsi presso ogni nuovo porto di attracco, dove gli addetti sono cordiali, parlano quasi tutti inglese e sbrigano le pratiche con la massima sollecitudine.

  • All'arrivo in Malesia, occorre sottoporsi ai controlli di immigrazione, marina, dogana ed enti sanitari (quest'ultimo solo in caso di procedure di quarantena), oltre che della capitaneria di porto.

  • I naviganti dovranno fornire i propri passaporti, il certificato di registrazione originale dell'imbarcazione, il timbro (se disponibile) e i documenti di sdoganamento dell'ultimo porto di chiamata.