<

Parco Nazionale di Penang

Si tratta del parco nazionale più piccolo del Paese, con una estensione di 2.562 ettari. È stato ufficializzato nel 2003 e ospita 46 specie di uccelli come il martin pescatore dal becco di cicogna, la gallinella d'acqua dal petto bianco e gli aironi maggiori.

Una spedizione condotta nel 2000 dalla Malaysian Nature Society ha registrato 417 specie vegetali e 143 specie animali. Prima che la zona venisse ufficializzata come parco nazionale la gente del luogo la conosceva come la Pantai Acheh Forest Reserve. Fra le attività che si possono condurre qui citiamo la pesca, il nuoto e l'escursionismo.

L'incontaminata distesa sabbiosa di Pantai Kerachut è anche il luogo preferito dalle tartarughe verdi per la deposizione delle uova da aprile ad agosto e dalla tartaruga bastarda olivacea da settembre a febbraio. Il vivaio di tartarughe creato a Pantai Kerachut, nel 1995, è ora gestito dal Ministero delle aree di pesca insieme al Ministero della natura e dei parchi nazionali (Perhilitan) e al Ministero forestale. Essi gestiscono inoltre la manutenzione del parco, che si trova tuttora in eccellenti condizioni.

Qui si trovano alcuni tra i migliori alberi di latifoglie, in particolare della specie shorea, come il meranti e il merawan baru. Infatti, questo luogo è l'unico di Penang dove crescono gli alberi gelam dalla corteccia rossa che somiglia alla carta.

Anche la biodiversità del parco è impressionante, con le sue 1.000 specie di piante, tra cui cinque differenti specie dell'albero Bintagor.

Oltre a ciò, il parco è l'unico della Malesia che contiene sei differenti tipi di habitat: un lago meromittico (un lago che si forma occasionalmente, dove si trova una distinta separazione dell'acqua in strati), paludi, mangrovie, pianure fangose, barriere coralline e spiagge dove le tartarughe depongono le uova.

Ci sono inoltre diverse piante carnivore, orchidee selvatiche, funghi e piante officinali.
Guarda la mappa